Prurito al cuoio capelluto: consigli e rimedi

Il prurito alla testa non vi da pace? Ecco qualche consiglio per eliminarlo!

Il prurito alla testa può essere dovuto a diversi fattori, può essere temporaneo oppure persistente in certi periodi. Le cause che lo provocano possono essere le più varie, tra queste:

  • dermatite seborroica;
  • seborrea;
  • forfora grassa;
  • psoriasi;
  • follicolite;
  • inquinamento ed altre.

Per prima cosa è fondamentale circoscrivere il fenomeno annotando se si tratta di un episodio sporadico, cronico, la durata, l’intensità del prurito ed altri parametri. Lo studio e la determinazione delle cause scatenanti condurranno, infatti, verso la scelta della soluzione più efficace. Per questo è opportuno rivolgersi ad uno specialista, come un tricologo, per una prima anamnesi dello stato di salute del cuoio capelluto ed individuare i fattori che hanno originato il prurito.

Di seguito qualche consiglio che è buona norma tenere a mente per evitare l’insorgere del problema:

  • mantenere pulito il cuoio capelluto effettuando lavaggi dei capelli cadenzati secondo le necessità, anche tutti i giorni se si suda molto o si ha forfora o sebo in eccesso. Rimuovere ogni impurità dal cuoio capelluto permetterà di mantenerlo igienizzato.
  • per i lavaggi dei capelli utilizzare prodotti igienici adatti e non eccessivamente aggressivi per non rischiare di alterare l’equilibrio idrolipidico del cuoio capelluto.
  • risciacquare a fondo i capelli dopo ogni lavaggio per essere sicuri di aver eliminato ogni residuo di shampoo e asciugarli bene perché l’evaporazione dell’acqua potrebbe rendere la cute secca e provocare prurito.
  • bere una giusta quantità di acqua quotidianamente non fa bene solo ai capelli ma a tutto il corpo per mantenerlo idratato nella misura corretta.
  • cercare di condurre una vita tranquilla poiché lo stress e il nervosismo possono trasformarsi in cause di prurito e caduta dei capelli precoce.
  • utilizzare con parsimonia prodotti cosmetici per capelli, come gel, lacca ed altri, poiché potrebbero scatenare reazioni allergiche e essere irritanti per la cute.

Questi sono alcuni consigli o norme di comportamento da adottare quando si ha prurito alla testa, anche se è buona norma seguire questi suggerimenti con costanza e quotidianamente.

Quali sono i rimedi contro il prurito al cuoio capelluto?

Se il prurito dovesse essere causato da abitudini igieniche sbagliate, come ad esempio lavare troppo poco la chioma e utilizzare shampoo non giusti, per risolvere questo problema sarà sufficiente correggere gli atteggiamenti sbagliati. Qualora questi gesti diano origine a seborrea, forfora, dermatite sarà necessario studiare una terapia tricologica adatta per agire sull’anomalia e risolverla.

Il diradamento talvolta può rappresentare un sintomo di un problema più cospicuo e può anticipare o accompagnare la caduta dei capelli. Ecco perché è importante intervenire tempestivamente e riportare il cuoio capelluto alle sue normali condizioni. Come anticipato, si suggerisce di rivolgersi ad un centro tricologico di fiducia per analizzare la situazione e intraprendere una cura adatta.