Estate 2016: quali sono le acconciature più cool?

Il caldo, il sole, la salsedine mettono a dura prova i nostri capelli e per mantenerli disciplinati e ordinati anche durante le vacanze estive, si possono raccogliere in acconciature semplici ma di tendenza.

Per chi è riuscita a resistere al caldo e alla tentazione di non tagliare la propria chioma ecco alcuni suggerimenti per realizzare acconciature facili durante la stagione estiva. Avere i capelli lunghi o di media lunghezza permette di creare pettinature sempre diverse, di seguito qualche proposta per essere sempre alla moda e ordinate:

  • top knot –> ritorna l’acconciatura capelli di tendenza della scorsa estate, si tratta di uno chignon alto che si declina nella sua variante “doppia”, meglio se lasciato più morbido e rilassato con alcuni ciuffi liberi. Potrete adattarlo a ogni situazione dalla più informale ala più ufficiale;
  • coda di cavallo –> classica pettinatura fresca per l’estate e semplicissima da realizzare, il must è farla altissima oppure lasciarla morbida e laterale, invece, per chi ha un buon volume, si può dividere la massa in due ciocche e avvolgerle a spirale legando l’estremità;
  • treccia –> quest’acconciatura è sempre di moda in tutte le sue varianti, dalle trecce più piccole e multiple a quelle classiche, sia laterali sia posteriori. Si possono creare belle acconciature con le trecce, le si può, infatti, raccogliere in uno chignon o realizzarle a spina di pesce;
  • sciolto –> anche i capelli sciolti hanno il loro fascino se lasciati spettinati, ma senza mai trascurarli. Si sconsigliano le onde e i boccoli troppo artefatti, invece, si preferiscono i capelli al naturale con leggeri movimenti.

Ognuno può scegliere l’acconciatura che più preferisce tenendo in considerazione l’occasione e i propri tratti somatici. Una delle cose più importanti da ricordare è fare attenzione a non abusare dei prodotti di styling per capelli, come ad esempio il gel o la lacca, perché se utilizzati con troppa frequenza, possono generare problemi al cuoio capelluto e alla chioma.

 

Photo Credit: d.repubblica.it