GLI UOMINI PREFERISCONO.. I CAPELLI SANI

Bionde o more, più che dal colore dei capelli sembra che gli uomini siano attratti da una chioma sana e fluente. Le bionde rappresentano un ideale erotico, ma gli studiosi confermano che il fattore “good-looking” è tutta una questione di salute.

Gli uomini preferiscono le bionde.. o forse no? All’eterno dilemma sembra aver trovato risposta un gruppo di sociologi e antropologi tedeschi dell’Università di Göttingen alla ricerca del fattore “good-looking”, ovvero quella scintilla che ci fa sentire attratti da una persona piuttosto che da un’altra.

 

Lo studio, recentemente pubblicato sul Journal of Cosmetic Dermatology, prende in esame un campione di 50 donne e 50 uomini di età compresa tra i 31 ed i 50 anni. Ai soggetti sono state sottoposte  immagini di capelli associando di volta in volta una chioma sana ad una danneggiata e alternando in maniera casuale capelli naturali o tinti; le immagini sono state quindi valutate sulla base di tre parametri:

  • salute
  • attrattività
  • età

Osservando le reazioni degli individui coinvolti con l’ausilio di una particolare strumentazione digitale e confrontando questo dato con le valutazioni fornite, i ricercatori sono giunti alla conclusione che, a prescindere dal colore dei capelli, il giudizio positivo viene attribuito ad una chioma lucente e curata, indice di giovinezza e salute, mentre, al contrario, un capello arido o mal tenuto non cattura lo sguardo maschile e viene associato all’idea di vecchiaia.

L’attrazione scatta, dunque, davanti ai capelli sani, naturali o tinti non conta.

 

Ma perché, allora, le bionde da sempre incarnano un ideale erotico maschile? La presenza di bionde sulle riviste patinate, nella pubblicità, ecc. è effettivamente superiore a quanto non si verifichi nella realtà, dove la percentuale di more è decisamente prevalente, e questo suggerisce che il biondo rappresenti per l’uomo un canone di bellezza.

Su questo punto ci viene in aiuto lo psicologo Bernhard Fink, che spiega come una mora a 30 anni sia percepita più “agé” rispetto ad una bionda della stessa età, rimandando – di nuovo – al concetto di giovinezza e, quindi, di fertilità.

 

Capelli biondi o mori, dunque? Sicuramente sani. La sensualità di una chioma fluente e luminosa non ha rivali, qualunque ne sia il colore.

 

La regola universale è prendersi cura dei capelli, utilizzando prodotti specifici ma soprattutto facendo attenzione ai piccoli gesti quotidiani, a partire dall’alimentazione.

 

Il fattore “good-looking” è garantito!