Il balsamo: quando usarlo e come usarlo

Il balsamo: scopriamo insieme come la qualità del prodotto e il modo d'uso sono fondamentali per la salute dei nostri capelli

Il balsamo per capelli, traduzione dell’inglese hair conditioner, può essere un vero e proprio salvagente per la loro salute, ma attenzione: la qualità del prodotto e il modo d’uso sono fondamentali per capelli sani.

In commercio si trovano ormai hair conditioner che portano con sé la promessa di innumerevoli effetti miracolosi, ma ricordatevi sempre: la sua funzione principale è districare i capelli dopo il lavaggio.

In più offre inoltre: setosità, morbidezza e lucentezza, dovuti principalmente a una riduzione dell’elettricità statica.

Le molecole componenti un balsamo per capelli, infatti, sono molecole a carica positiva, create con il fine di unirsi a quelle a carica negativa presenti sulla superficie del fusto del capello, in particolar modo in corrispondenza delle parti danneggiate: dall’unione delle une e delle altre si forma un film sottile intorno al fusto delle lunghezze che li rende più lisci e di conseguenza più pettinabili.

Diffidate quindi da prodotti che vi promettono capelli mossi, lisci, più voluminosi, o qualsiasi tipo di effetto rivoluzionario. Il balsamo va scelto attentamente in relazione alla natura, allo spessore, alla forma e al grado di danno cui sono sottoposte le vostre chiome, non dall’effetto che vorreste ottenere. Come sempre, il nostro consiglio è quello di evitare i balsami che contengano sostanze nocive per il capello, come siliconi, oli minerali, petrolati e ingredienti censori di formaldeide.

Fatte queste premesse è possibile dire che il balsamo non appesantisce i capelli ed è possibile utilizzarlo dopo ogni shampoo, nella giusta misura, dopo averli liberati dall’acqua e magari tamponati affinché il prodotto non scivoli via immediatamente. Siamo scettici a definire balsami quei prodotti la cui applicazione viene promossa prima dello shampoo, o sui capelli asciutti.
Non esagerate nei tempi – nei modi e nelle quantità – se avete un’acconciatura corta, mediamente lunga o capelli molto fini. Se invece avete chiome lunghe difficili da districare dopo il lavaggio potete applicare il balsamo sulle mezze lunghezze o sulle punte per rendere il tutto più semplice. La durata della posa dipende invece dalle condizioni di salute dei vostri capelli: se avete una chioma secca, sfibrata e crespa potete lasciare in posa il balsamo qualche minuto per rendere la sua azione più efficace, azione totalmente sconsigliata se invece tendete ad avere un cuoio che produce sebo in quantità eccessiva.
Anche nel caso in cui i vostri capelli richiedano l’applicazione aggiuntiva di una maschera nutriente dopo lo shampoo, un balsamo condizionante può essere utilizzato come elemento finale per favorire la pettinabilità anche dopo di essa.

Non affidiamoci a prodotti presentatici come miracolosi, ma non rinunciamo ad un buon balsamo per capelli, che – con le giuste accortezze – potrà essere la marcia in più per avere delle chiome sane e bellissime.

Photo Credit: http://www.donnaglamour.it/