Le tinte capelli possono danneggiare la chioma?

Le tinte capelli possono rovinare i nostri capelli? In che modo? Scopriamolo assieme!

Le tinte capelli sono trattamenti estetici molto diffusi sia tra i giovani che vogliono cambiare la propria immagine sia per chi vuole invece nascondere i capelli bianchi, ma, in alcuni casi, possono danneggiare irrimediabilmente la nostra chioma. Ecco perché è importante scegliere le tinture con gli ingredienti meno dannosi e farsi guidare da un esperto del settore nell’acquisto.

Nei casi estremi, le tinte possono addirittura bruciare e rovinare i capelli, questo può dipendere da una posa troppo prolungata o da sostanze nocive contenute al loro interno che aggrediscono i follicoli piliferi in maniera talvolta irreversibile. In questa circostanza la domanda principale che sorge è: una volta rovinati o caduti i miei capelli possono ricrescere?

La prima cosa da valutare è l’entità dei danni subiti dalla nostra chioma, infatti, le ustioni chimiche possono essere di gravità diverse e di conseguenza anche l’importanza della bruciatura e della caduta dei capelli. È fondamentale valutare se siano stati danneggiati i follicoli piliferi o meno, e a che livello.

Tra i danni più lievi vi è la rottura del capello, poiché questo viene indebolito e attaccato dalle sostanze chimiche contenute nelle tinte. I capelli possono quindi spezzarsi e danneggiarsi ma i follicoli non riportare alcun danno nonostante il capello possa rompersi alla radice. In questo caso, l’unica soluzione è tagliare la chioma e attendere che questa ricresca.

Un fattore molto importante che influenza la ricrescita del capello è il corretto apporto di nutrimenti essenziali, che si acquisisce seguendo una dieta sana e bilanciata che contenga vitamine, minerali e amminoacidi basilari per la salute dei capelli.

Un danno invece di tipo moderato può essere determinato dalla temporanea caduta dei capelli, se l’aggressione chimica ha penetrato la cute, ma il follicolo pilifero non è stato compromesso. In questa situazione si dovrà attendere la ricrescita dei capelli oppure, se questa dovesse essere molto lenta, si consiglia di rivolgersi ad un centro tricologico di fiducia per un trattamento mirato e personalizzato che agisca per rinforzare la chioma e stimolare la ricrescita.

La caduta dei capelli o bruciatura in seguito ad un’aggressione grave, si riscontra quando il cuoio capelluto diventa lucido e calvo nella zona interessata, si tratta di un fenomeno permanente ed irreversibile. In questo caso si parla di alopecia cicatriziale, in quanto i follicoli piliferi sono danneggiati in maniera importante, tanto da non permette più la ricrescita del capello. L’unica soluzione potrebbe essere un trapianto di capelli per rinfoltire la zona interessata ma si tratta di soluzioni che variano da medico a medico in base all’anamnesi del paziente.

Infine, è importante informarsi con attenzione sulle tipologie di tinte capelli e cosa contengono al loro interno per non rischiare di mettere in pericolo il benessere della nostra chioma e incorrere in spiacevoli situazioni.