Oli per capelli: si o no?

Olio per capelli sì, olio per capelli no. L’olio unge i capelli? Scopriamo insieme quali sono i pro e i contro dell'utilizzo di queste sostanze e impariamo a riconoscere quali sono quelli fatti a posta per noi.

Oggi vogliamo affrontare un argomento molto discusso: olio per capelli sì, olio per capelli no. L’olio unge i capelli o no?

I punti di vista sulla questione sono fondamentalmente due: c’è chi li odia e c’è chi li ama. C’è chi sta ben attento a girarne alla larga per la paura dell’effetto “unto” che teme possa procurare l’utilizzo di olio; c’è chi dopo aver iniziato ad usarlo non ha più smesso di farlo.

Ma da cosa dipendono questi punti di vista così differenti?

È fondamentale dire che gli effetti dipendono sia dal tipo di olio, sia dal tipo di capelli.

In commercio se ne trovano due macrofamiglie: quelli naturali e quelli misti siliconici. Gli oli naturali sono puri al 100% mentre quelli misti contengono in parte qualche silicone di origine chimica. Le vere cultrici degli oli solitamente diffidano da questi ultimi e si affidano completamente agli oli puri. Ma per quale motivo? È sempre la solita vecchia storia: contenuto o apparenza? Nella grande maggioranza dei casi gli oli siliconici si occupano solamente dell’estetica dei vostri capelli, donando loro l’effetto promesso, ma non si preoccupano di prendersi cura di loro ossia non portano benefici alla loro salute.

Non esiste l’olio adatto ad ogni tipo di capelli, ognuno ha le sue caratteristiche ed ogni capello le sue; di conseguenza per capire quale sia l’olio adatto a voi probabilmente dovrete fare diverse prove fino a trovare il prescelto. Dovrete valutarne la pesantezza sui vostri capelli, la quantità opportuna, gli eventuali residui sulla vostra cute. Un altro fattore che dovrete valutare è il tipo di applicazione che le vostre chiome prediligono. Gli utilizzi possibili infatti sono molteplici: maschera e impacchi pre-shampoo, balsamo leave-in senza risciacquo o sui capelli già asciutti. È possibile anche un utilizzo per così dire “occasionale” degli oli, per esempio come protettivo nei confronti dei raggi solari e della salsedine quando temete che un’esposizione prolungata possa indebolire e danneggiare i vostri capelli. L’olio infatti, pur non contenendo alcun filtro solare, funge comunque da schermatura agli agenti esterni.

In tutti questi i casi vi consigliamo di concentrarne la distribuzione sulle parti terminali dei capelli e sulle punte, limitando o evitando completamente l’applicazione sulla cute per evitarne la “contaminazione”. Valutate bene qual è la quantità di olio ideale e, nel caso di maschere e impacchi, anche il tempo di posa.

I principali oli naturali che vi vogliamo consigliare sono questi:

–          Olio di cocco: nutriente e ristrutturante, dona morbidezza e lucentezza, dotato di proprietà antifungine;

–          Olio di argan: idratante e stimolante della crescita;

–          Olio di semi di lino: consigliato solo per chi ha capelli molto secchi e sfibrati o con forfora poiché tende ad appesantire il capello più di altri oli;

–          Olio di ricino: è l’olio più pesante di quelli che vi presentiamo ma è estremamente indicato per capelli estremamente rovinati, spezzati o stressati da permanenti e colorazioni;

–          Olio di mandorle dolci: è uno degli oli più completi e per questo motivo lo si trova spesso all’interno di shampoo e balsami;

–          Olio di Jojoba: emolliente, rigenerante e idratante;

–          Olio di Monoi di Tahiti: composto da olio di cocco e olio di tiarè è profumatissimo e considerato l’olio d’eccellenza dell’estate per la sua capacità di proteggere la cute e la chioma dai raggi solari;

–          Olio di macadamia: ricco di vitamina E, districante, ottimo per curare i capelli crespi e spenti;

–          Olio di germe di grano: è un olio abbastanza pesante ma indicato per aiutare i capelli fragili, aridi e sfibrati.

–          Olio di melaleuca: detto anche Tea-tree Oil, è un olio essenziale con proprietà sebo-normalizzanti e antibatteriche.

Ora avete tutte le informazioni per iniziare la ricerca del Vostro Olio, e mi raccomando… occhio all’etichetta!

 

Photo Credit: carlitadolce.com